I LEA ed il nuovo calendario vaccinale

I LEA sono i livelli essenziali di assistenza che vengono assicurati al cittadino per la tutela della salute singola e collettiva. 
Notizia di questi giorni è la firma per DPCM dei nuovi LEA con il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione Vaccinale  2017-19.
Per Calendario delle vaccinazioni si intende la successione cronologica con cui vanno effettuate le vaccinazioni. Esso costituisce uno strumento indispensabile per gli operatori sanitari dei servizi vaccinali, i pediatri e i medici di medicina generale, e anche per i genitori. 
Il Servizio Sanitario Nazionale prevede, con i precedenti Piani vaccinali,  l'offerta gratuita delle seguenti vaccinazioni: 
vaccinazioni obbligatorie nell’infanzia e successivi richiami rese obbligatorie per legge: 
antidifterica, antipoliomielitica, antitetanica, antiepatite virale B
vaccinazioni raccomandate nell’infanzia e successivi richiami: 
contro pertosse, infezioni da haemophilus influenzae b-Hib, morbillo-parotite-rosolia.
Il calendario vaccinale nazionale è consultabile al seguente link :
È stata elaborata e condivisa dalla Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (SItI), la Società italiana di pediatria (SIP), la Federazione italiana medici pediatri (FIMP) e la Federazione italiana medici di medicina generale (FIMMG) la terza edizione del Calendario vaccinale per la vita, di seguito illustrato e che viene aggiornato ogni due anni:
In sintesi la prevenzione vaccinale è rivolta a:
 Nuovi nati: cicli di base e successivi richiami (come da calendario nazionale) di vaccino per la prevenzione di difterite, tetano, pertosse, epatite B, polio, Haemophilus influenzae tipo b, pneumococco, meningococco B, rotavirus, morbillo, parotite, rosolia, varicella, meningococco C;
 Adolescenti: ciclo di base (come da calendario) di vaccino antimeningococcico ACWY135 e vaccino anti HPV;
 Soggetti di età ≥ 65 anni: vaccino anti-influenzale stagionale;
 Soggetti di età pari a 65 anni: ciclo di base (come da calendario) di vaccino anti-pneumococcico PCV13+PPV23 e vaccino anti-zoster;
 Soggetti a rischio di tutte le età: vaccinazioni previste dal vigente PNPV 2016- 2018 e da altre normative nazionali sull’argomento.
Le modalità di offerta del servizio possono variare da Regione a Regione, nella quasi totalità dei casi, le vaccinazioni dell’infanzia vengono eseguite presso il centro vaccinale della propria Asl o dal pediatra di libera scelta. Anche se il numero di malattie contro cui è raccomandato di vaccinare i bambini è elevato, ciò non significa che occorre effettuare una iniezione per ogni vaccinazione. Esistono infatti prodotti combinati che consentono, in maniera sicura ed efficace, di vaccinare con un’unica iniezione il bambino contro più malattie. Le combinazioni in commercio sono diverse e consentono, qualora il genitore non sia d’accordo con la somministrazione di tutti i vaccini proposti dalla ASL, di escluderne alcuni.

Fonti:
http://www.salute.gov.it/
http://www.ilpediatranews.it/


Commenti